I protagonisti

Mohr, Gruber e gli altri...

Una poesia commovente e una semplice melodia: questi ingredienti a prima vista così semplici sono stati in realtà un colpo di genio che ha portato a una diffusione miracolosa. Eseguito per la prima volta nel Natale 1818 a Oberndorf, presso Salisburgo, il canto “Stille Nacht! Heilige Nacht!” da duecento anni è in viaggio intorno al mondo. 2 miliardi di persone conoscono e cantano questa melodia a Natale. Eppure per tanto tempo la sua provenienza e i suoi autori erano rimasti nell’oblio. Ancor oggi tante persone non conoscono la provenienza di un canto di Natale fra i più famosi del mondo.

Il canto nacque nel Salisburghese

Ecco gli autori del canto: Joseph Mohr, un curato salisburghese che nel 1816 scrisse una poesia dal titolo “Stille Nacht! Heilige Nacht!”. Due anni dopo, Mohr affidò la poesia a Franz Xaver Gruber, maestro di scuola e compositore nativo dell’Alta Austria, pregandolo di comporre una musica adatta al suo testo.

La diffusione del canto iniziò in Tirolo

“Stille Nacht! Heilige Nacht!”, uno dei canti natalizi più famosi del mondo, nacque come canto sacro e venne cantato per la prima volta a Natale, davanti al presepe. Per caso, il canto venne conosciuto da Carl Mauracher, un organaio tirolese chiamato a Oberndorf per riparare l’organo della chiesa. Tornato al suo paese, nella valle Zillertal, Mauracher fece conoscere il canto ad alcune famiglie contadine dotate di talento musicale, che viaggiavano per l’Europa come venditori. Furono loro a far conoscere il canto in tutto il continente, e anche fuori: Ludwig Rainer, uno dei più famosi cantori tirolesi della valle Zillertal, già nel 1839 portò il canto negli Stati Uniti d’America. Franz Xaver Gruber morì nel 1863, e fece in tempo a conoscere i primi grandi successi del suo canto. Nel 1854 stese una dichiarazione ufficiale sulla provenienza del canto e sull’identità dei suoi autori.

“Stille Nacht! Heilige Nacht!” oggi

Ancor oggi molte persone si occupano del canto “Stille Nacht! Heilige Nacht!”: musicisti e compositori, produttori e cantanti, attori e artisti, ma anche curatori e direttori di mostre e musei, studiosi e storici. La ricerca intorno a questo canto è più viva e intensa che mai. E ci sono anche i discendenti di Franz Xaver Gruber e della famiglia di Joseph Mohr: alcuni di loro si sono occupati della vita e delle opere dei loro antenati. Tutto ciò ha generato per gli interessati una grande quantità di occasioni utili a scoprire e comprendere questo canto nei suoi più svariati aspetti.

Questo sito fa uso di cookie per facilitare l’utilizzo dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web, Lei dà il Suo consenso all’utilizzo dei cookie.