Hallein

Il paese dove Franz Xaver Gruber seguì la sua vocazione

Il grande desiderio di Franz Xaver Gruber di concentrarsi maggiormente sulla musica fu esaudito nel 1835, quando venne nominato direttore di coro, corista e organista della parrocchiale di Hallein. All’età di 47 anni, il maestro di scuola sembrava aver finalmente raggiunto il luogo destinato alla sua vocazione. Oltre al lavoro di cancelleria, nei 28 anni trascorsi ad Hallein Gruber sviluppò anche un’intensa attività di compositore: scrisse una serie di opere di musica sacra, varie composizioni di musica profana e partecipò con sue composizioni a diversi eventi musicali anche fuori da Hallein.

Hallein al tempo di Franz Xaver Gruber

La situazione generale era tutt’altro che favorevole. Ai tempi di Gruber Hallein era il secondo centro urbano della regione e contava circa 3.500 abitanti. Il commercio del sale, che aveva conosciuto la sua massima prosperità sotto il governo dei principi vescovi, si era notevolmente ridotto, dal momento che i nuovi governanti, gli Asburgo, avevano concentrato l’estrazione del sale nei paesi di Hall in Tirol, Aussee e Hallstsatt. I lavoratori delle miniere di sale avevano perso il lavoro, e anche nel settore della produzione salina il cambiamento di governo aveva determinato effetti negativi sul mercato del lavoro. Anche i bottai di Hallein ormai erano disoccupati, dal momento che il sale ora veniva trasportato nei più pratici ed economici sacchi di juta. Erano in difficoltà anche i battellieri, a causa della riduzione delle merci trasportate (dalle precedenti 20.000 a sole 7.000 tonnellate all’anno). Nel 1871 la costruzione della linea ferroviaria decretò la fine della navigazione sul fiume Salzach.

Per chi è interessato alle storie degli antichi Celti di Hallein, della navigazione sul fiume Salzach e dei principi vescovi di Salisburgo, vale assolutamente la pena visitare il moderno Keltenmuseum (Museo dei Celti). Inoltre sul monte Dürrnberg si trovano le miniere di sale di Hallein (Salzwelten Hallein), le più antiche del mondo fra quelle aperte al pubblico.

Una vita per la musica

Come direttore del coro, in quegli anni economicamente difficili Gruber non fu certo sommerso da contributi e donazioni, ma quando si trattava di musica, egli sapeva quali strade percorrere. Le vie di comunicazione fra i paesi erano lunghe e scomode. Le diligenze del servizio postale erano poche e i viaggi costosi. Dalle lettere sappiamo che Franz Xaver Gruber percorreva regolarmente il tragitto di 13 chilometri fino a Salisburgo o al santuario di Maria Plain, per partecipare a eventi musicali. Sappiamo anche che ad Hallein venne a fargli visita l’amico Joseph Mohr: una giornata di cammino da Wagrain ad Hallein in quel periodo era un viaggio abbastanza normale, ma può darsi che il sacerdote abbia utilizzato la carrozza postale.

Nel 1841 morì la seconda moglie di Franz Xaver Gruber, Maria Breitfuss, insieme al loro ultimo figlio che la donna stava per partorire. Un anno più tardi vennero celebrate le terze nozze di Gruber, che sposò un’amica della sua seconda moglie: Katharina Rieser di Böckstein, la vedova del calzolaio Wimmer.

I figli di Gruber seguirono le orme musicali del padre: il maggiore, Franz Xaver (1826-1871), fondò nel 1847 un’associazione canora e nel 1849 il coro “Halleiner Liedertafel” ancora oggi esistente. Il secondogenito Felix (1840-1884) successe al padre nella direzione del coro di Hallein. Ad Hallein il 30 dicembre 1854 Franz Xaver Gruber scrisse anche la “Autentica disposizione sulla composizione del canto di Natale” (Authentische Veranlassung zur Composition des Weihnachtsliedes): nella quale certificava la provenienza e la paternità del testo e della melodia di “Stille Nacht! Heilige Nacht!”, sgombrando il campo da erronee attribuzioni e specificando che il canto non era stato composto da Michael Haydn e non era originario della valle Zillertal, in Tirolo. Onorato e relativamente benestante, Franz Xaver Gruber morì di vecchiaia nel 1863 a Hallein.

Sulle tracce del canto “Stille Nacht! Heilige Nacht!” a Hallein:

  • Di fronte alla chiesa parrocchiale di Hallein sorge il sorprendente museo Stille Nacht, che sarà riaperto al pubblico il 29 settembre 2018. Il museo espone una documentazione completa sul canto natalizio, la chitarra di Joseph Mohr, arredi e suppellettili della casa di Gruber, scritti autografi e la citata “Authentische Veranlassung”. Franz Xaver Gruber visse per 28 anni nella casa del sagrestano.
  • Durante l’Avvento, un attore riveste il ruolo di Franz Xaver Gruber e accompagna i visitatori in un appassionante visita del centro storico, dal titolo “Gruber in persona”.
  • Davanti al museo si trova la tomba di Gruber. Il 24 dicembre di ogni anno, alle ore 17, il gruppo canoro Halleiner Liedertafel invita tutti all’evento “Singen am Grubergrab”, un momento di canto sulla tomba di Gruber. Persone provenienti da ogni parte del mondo raccolgono ogni anno l’invito.
  • Il 25 novembre 2018 nella chiesa parrocchiale risuoneranno per la prima volta le note dell’organo Stille Nacht.

Qui trovate comunicati stampa, informazioni per i giornalisti.  Hallein la ”Città di Franz Gruber

Articoli correlati

Scultura in legno all'aperto sotto la neve, con due figure che si fondono in un braccio

I protagonisti

Mohr, Gruber e gli altri...

Leggi altro

200 anni di “Stille Nacht! Heilige Nacht!”

Sulle tracce del canto di Natale famoso in tutto il mondo

Leggi altro

Questo sito fa uso di cookie per facilitare l’utilizzo dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web, Lei dà il Suo consenso all’utilizzo dei cookie.